Dazi Usa-Cina, rischio guerra commerciale: Trump alza il tiro, Pechino: "non abbiamo paura"

Trump aumenta di 100 miliardi di dollari i dazi sulla Cina e scatena le ire di Pechino: "contromisure immediate"

Rischio di Guerra Commerciale

Rischio di Guerra Commerciale

globalist 6 aprile 2018

Il protezionismo seilvaggio di Donald Trump che rischia di far scoppiare una guerra commerciale con la Cina mette a segno un altro punto: il tycoon ha infatti varato un pacchetto di dazi doganali sui prodotti cinesi di 100 miliardi di dollari, mossa aggressiva cui Pechino "intende rispondere ad ogni costo" come ha fatto sapere il Ministero del Commercio Cinese. 


Secondo Trump, "la Cina anziché rimediare al suo comportamento sbagliato, ha scelto di danneggiare i nostri agricoltori e produttori". Trump gioca in casa, in quanto proprio nel settore agricolo si trovano la maggior parte dei suoi elettori, ma la sua mossa è stata vista come sconsiderata da molte aziende statunitensi e dal suo stesso partito repubblicano: Dean Garfield, direttore dell'Information Technology Industry Council, ha definito "irresponsabile e destabilizzante l'annuncio di dazi per altri 100 miliardi di dollari sui prodotti cinesi" mentre la National Retail Federation ha accusato la Casa Bianca di "giocare con il fuoco con l'economia".


Pechino, nel frattempo, ha promesso "contromisure ad ampio raggio", sottolineando che "non desideriamo una guerra commerciale, ma non ne abbiamo paura".