Riscaldamento globale: gli ultimi tre anni i più caldi di sempre

A dirlo è l'Organizzazione meteorologica mondiale. Nel 2017 la temperatura è stata più alta di 1,1 spetto ai livelli preindustriali.

Gli effetti del riscaldamento globale

Gli effetti del riscaldamento globale

globalist 19 gennaio 2018

Il riscaldamento globale è continuato nel 2017: gli ultimi tre anni sono stati i più caldi sin dall'inizio delle registrazioni meteorologiche, cominciate nel 19/mp secolo. A dirlo è l'Organizzazione meteorologica mondiale. Nonostante nel 2017 non ci sia stato il fenomeno di El Niño", la temperatura nel 2017 è stata di 1,1 gradi sopra i livelli preindustriali. La temperatura superficiale globale nel 2016 è stata la più calda mai registrata, a 1,2 gradi C in più rispetto all'era preindustriale. Nel 2015, ha superato talvolta il +1,1 gradi.
Tra i principali eventi climatici del 2017 ci sono diversi uragani che hanno colpito i Caraibi e gli Stati Uniti, mentre il ghiaccio artico ha registrato il suo livello più basso alla fine dell'anno, quindi a metà dell'inverno, e le barriere coralline ai Tropici hanno sofferto di alte temperature dell'acqua.
"La temperatura record dovrebbe attirare l'attenzione dei leader mondiali, incluso il Presidente Trump, sull'entità e l'urgenza dei rischi che il cambiamento climatico pone ai ricchi e ai poveri del mondo", ha affermato Bob Ward, del London Grantham Research Institute on Climate Change.
Con l'accordo di Parigi del 2015, la comunità internazionale si è impegnata a contenere il riscaldamento "ben all'interno" de  2 gradi. Donald Trump, scettico sulla realtà dei cambiamenti climatici, ha tirato fuori gli Stati Uniti dall'accordo, dicendo che avrebbe distrutto posti di lavoro nell'industria.
17 dei 18 anni più caldi dall'inizio delle indagini meteorologiche del 19/mo si sono verificati dal 2000, confermando l'impatto dei gas serra sulle temperature, secondo l'Organizzazione meteorologica mondiale.