Caso Skripal, la Russia risponde all'Inghilterra: espulsi 50 diplomatici

Lo ha comunicato la portavoce del Ministero degli Esteri Maria Zacharova: "la Russia punta alla parità"

Maria Zacharova, portavoce del Ministero degli Esteri

Maria Zacharova, portavoce del Ministero degli Esteri

globalist 31 marzo 2018

La risposta russa sul caso Skripal non si è fatta attendere, e ha il gusto della beffa: la portavoce del Ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova, ha fatto sapere che "La Russia punta alla parità: 50 diplomatici e membri dello staff tecnico britannico devono lasciare il paese". 


La contromisura è una chiara risposta per 'contrappasso' alla mossa dell'Inghilterra, che ha espulso 50 diplomatici russi in seguito all'omicidio di Serghei Skripal, ex spia russa del Kgb, ucciso a Salisbury insieme alla figlia, crimine di cui è accusata proprio la Russia.