Quattro cattolici assassinati a Quetta: l'Isis rivendica l'attentato

L'azione firmata dal gruppo del Khorasan che è attivo in Pakistan e Afghanistan: i cristiani sono nel loero mirino

Miliziani dell'Isis del Khorasan

Miliziani dell'Isis del Khorasan

globalist 3 aprile 2018

Il nucleo dell’Isis del Khorasan, ossia quello che è attivo in Pakistan e Afghanistan e ha guadagnato molto terreno, ha rivendicato l'uccisione a colpi d'arma da fuoco ia Quetta, capoluogo della provincia pachistana di Baluchistan, di quattro civili di religione cattolica.
I quattro, ha reso noto la polizia, viaggiavano su un risciò a motore quando sono stati intercettati da un commando armato a bordo di una motocicletta che ha sparato loro a bruciapelo uccidendoli sul colpo.
Nel messaggio di rivendicazione diffuso attraverso i social media, l'Isis ha scritto in arabo che «quattro combattenti cristiani sono stati uccisi in un attacco a Quetta-Khorasan».
Nell'operazione sono morti tre uomini ed una donna, mentre una bambina di nove anni è rimasta ferita. Padre Faiz, parroco della chiesa di St.Mary a Quetta, ha confermato che le vittime frequentavano spesso le cerimonie religiose.