Rubato un compattatore dell'Ama: nella Capitale scatta l'allarme terrorismo

Il furto del mezzo usato per la raccolta di rifiuti è avvenuto nella zona delle Terme di Caracalla

Militari vigilano sulla sicurezza a Roma

Militari vigilano sulla sicurezza a Roma

globalist 1 maggio 2018

La paura è sempre quella: un’auto, un furgone o un camion contro passanti indifesi: e adesso c’è preoccupazione nella Capitale dopo il furto di un compattatore dell’’Ama, ossia l’azienda che si occupa di rifiuti.
Proprio in virtù della sua funzione il mezzo può entrare nella zona a traffico limitato.
Il furto è avvenuto nella zona delle Terme di Caracalla e si sono subito attivate tutte le misure di sicurezza antiterrorismo. Allertati militari dell'esercito, carabinieri, poliziotti e vigili urbani. Mentre dalle sale radio, a ogni cambio turno, viene ripetuta la targa e il modello del veicolo rubato con la richiesta di prestare la massima attenzione. L'allerta è altissima: il mezzo Ama è infatti provvisto del permesso Ztl per accendere nelle strade centro storico e in tutte le zone interdette al traffico.
Dal punto di vista dell’ordine e della sicurezza quelle di oggi e domani sono giornate campali per la Capitale: il concerto del primo Maggio di e la partita di Champions della Roma che si disputerà domani sera all'olimpico. Per quest’ultima è stato lanciato un allarme hooligan, ma nessuno sottovaluta che nella tifoseria giallorossa ci saranno gli stessi che hanno dato vita agli incidenti che hanno ridotto in fin di vita un tifoso inglese dei Reds e hanno inneggiato, con uno striscione, al fascista Daniele De Santis, l’ultras romanista condannato per l’assassinio del tifoso del Napoli Ciro Esposito