Meloni in camicetta nera attacca pure Mattarella. Troppo democratico per lei?

La leader di FdI critica il presidente della Repubblica: "Se dopo 70 giorni non si ha un governo è anche per le sue scelte non sempre condivisibili"

Giorgia Meloni

Giorgia Meloni

globalist 14 maggio 2018

Giorgia Meloni all'attacco del presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel giorno in cui il capo dello Stato tornerà a vedersi al Quirinale con Luigi Di Maio e Matteo Salvini che devono riferire sulla trattativa in corso tra M5s e Lega per la formazione del governo.
"Se dopo 70 giorni non si ha un governo - ha detto Meloni aprendo la direzione di Fratelli d'Italia - è anche per le scelte non sempre condivisibili del presidente della Repubblica. Non vorremmo trovarci davanti a un Napolitano bis". Meloni ha sottolineato in particolare i tempi diversi concessi ai presidenti di Senato e Camera, Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico, per individuare una maggioranza e si è lamentata per "un'Italia appesa alla direzione del Pd".
Poi l'affondo contro il presidente della Repubblica. "Penso che Mattarella - ha affermato Meloni - abbia fatto una scelta politica precisa quando ha deciso di non dare l'incarico al centrodestra che l'aveva chiesto e avevo fatto una proposta. Il tentativo di mandare in aula chi ha vinto le elezioni a cercare la maggioranza per fare un governo era un tentativo da fare. Non vorremmo che alla base ci fosse una reticenza, un pregiudizio contro il centrodestra. Per noi, ancora oggi, l'incarico al centrodestra resta la via maestra".
"Faccio un appello estremo a Matteo Salvini - ha concluso Meloni - si interroghi se non sia meglio andare al voto piuttosto che lanciarsi nell'avventura di un governo col Movimento cinque stelle. Noi non faremo parte di un governo Cinque stelle. Sono arrivati secondi, non primi alle elezioni: Fratelli d'Italia è corerente e non appoggerà un governo presieduto da un Cinque stelle".