Emma Bonino: l'attacco in Siria? Prova di forza senza via d'uscita

La leader di + Europa: "La situazione in Siria è drammatica e una delle più complicate ad essere letta, bisogna evitare in ogni modo l'eccidio dei civili, soprattutto nella zona nord"

Emma Bonino

Emma Bonino

globalist 17 aprile 2018

E' preoccupata Emma Bonino. La leader di + Europa ai microfoni di Radio Capitale commenta: "A me pare che per ora sia stata una prova di forza ma senza via di uscita". Ma a questo punto, secondo Bonino, bisogna evitare un nuovo eccidio di civili nella zona di Idlib, nel nord della Siria. "La situazione in Siria è drammatica e una delle più complicate ad essere letta, è una guerra per procura in cui si misurano tutti", ha spiegato. E poi ha aggiunto: "ho l' impressione che ristabilire il controllo sulla Siria utile per Assad, cioè che abbia senso, significa secondo me 'pulire', si fa per dire, la zona di Idlib, nel nord della Siria vicino alla Turchia, a pochi km da Gaziantep dove c'è stata la concentrazione di tutte le forze dell'Isis. Si tratta di una zona con oltre un milione di abitanti, quindi un'operazione militare di 'pulizia' tra virgolette sarebbe lì molto peggio di quelle già viste ad Aleppo e Ghouta, entrambe liberate lasciando dietro macerie e civili". La prossima settimana, ha annunciato l'ex ministro degli esteri, è prevista una riunione a Bruxelles per pensare alla ricostruzione Siria: "Spero serva anche per tentare di vedere se c'è qualche canale per evitare un nuovo disastro di civili. Questo dirò oggi al Senato", ha concluso.