La Spagna: Italia ha gravi responsabilità penali. E Macron: cinici a Roma

Altro che successo, altro che posizione autorevole acquisita dall'Italia nello scacchiere europeo. Salvini & soci indeboliscono il ruolo del Paese e l'Europa ci prende a ceffoni

La Nave Aquarius in una foto dello scorso anno

La Nave Aquarius in una foto dello scorso anno

globalist 12 giugno 2018

Altro che successo, altro che posizione autorevole acquisita dall'Italia nello scacchiere europeo. Il presidente francese Emmanuel Macron denuncia "una forma di cinismo e di irresponsabilità" del governo nel caso della nave Aquarius: è quanto riferito dal portavoce del governo, Benjamin Griveaux, al termine del consiglio dei ministri a Parigi. E non sono più gentili dalla Spagna: - "Non è questione di buonismo o generosità, ma di diritto umanitario. Ci possono essere responsabilità penali internazionali per la violazione dei trattati sui diritti umani". Così il ministro della Giustizia spagnola, Dolores Delgado, ha commentato - in un'intervista alla radio Cadena Ser - la decisione dell'Italia di non accogliere la nave Aquarius. "La situazione di queste 629 persone su un'imbarcazione al limite è critica" e la soluzione alla crisi migratoria "deve venire da tutti gli Stati, quelli che sono frontiera e quelli che non lo sono", ha sottolineato la Delgado. "E' questione di umanità ma anche di rispettare gli accordi e i trattati dei quali tutti gli Stati sono parte", ha aggiunto.
"Considero la linea del governo italiano vomitevole. E' inammissibile giocare alla politica con delle vite umane, lo trovo immondo". Sono le dure parole pronunciate da Gabriel Attal, portavoce de 'La Republique En Marche' (Lrem), il partito del presidente francese Emmanuel Macron, intervistato dall'emittente Public Senat.Per Attal, "un pensiero va prima di tutto alle 629 persone che sono sulla nave" Aquarius, che sabato ha salvati i migranti al largo delle coste della Libia e da allora e' bloccata in mare dopo che l'Italia ha negato i porti, chiedendo a Malta di accoglierli. A sbloccare la situazione e' stato il governo spagnolo del socialista, Pedro Sanchez, che ha aperto il porto di Valencia ai migranti salvati. Gli esponenti nazionalisti della Corsica hanno proposto questa mattina di accogliere l'Aquarius. Che fa la Francia?", conclude Attal.