Bankitalia smentisce la propaganda Lega-M5s: Italia verso la recessione

Crescita negativa anche nel quarto trimestre del 2018; dare la caccia ai migranti e dare propaganda sullearresto di Battisti serve solo a distrarre gli italiani da scelte fallimentari

Bankitalia

Bankitalia

globalist 18 gennaio 2019

La colpa ovviamente sarò degli altri. Ma la verità è che tutta la manovra si basa sulla promessa di una crescita che tutti - ma proprio tutti - gli osservatori economici, tutte le autorità terze, dicono che non ci sarà.
Crescita negativa anche nel quarto trimestre del 2018 per l'economia italiana, che entra così in recessione tecnica. Secondo il bollettino economico della Banca d'Italia, "dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre (-0,1% sul periodo precedente), gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l'attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto".
Nel quarto trimestre, spiega Via Nazionale, "l'attività sarebbe rimasta pressochéstabile nei servizi e si sarebbe ridotta nell'industria in senso stretto; sarebbe aumentata marginalmente nel comparto edile". La debolezza dell'attuale fase ciclica "è confermata dall'indicatore Ita-coin" di Bankitalia, "che negli ultimi mesi dell'anno scorso è sceso su valori negativi (-0,19 a dicembre)".
"Segnali analoghi - aggiunge Palazzo Koch - derivano anche dalla diminuzione degli indici dei responsabili degli acquisti delle imprese (Pmi) e dal peggioramento degli indicatori della fiducia di imprese e consumatori, che rimangono tuttavia su valori relativamente elevati".


In base a queste valutazioni "nel complesso del 2018 la crescita del Pil sarebbe stata dell'1% sulla base dei dati annuali (0,9% sulla base dei dati trimestrali destagionalizzati e tenendo conto degli effetti di calendario)". Nel 2017 la crescita è stata dell'1,6%.