La Banca d'Italia ci dà l'ennesima brutta notizia: l'aumento del debito pubblico

Il debito pubblico a fine 2018 è aumentato di 53,2 miliardi rispetto all'anno passato.

Economia

Economia

globalist 15 febbraio 2019
La Banca d'Italia comunica che il debito pubblico ha toccato a fine 2018 i 2.316,7 miliardi, con un incremento di 53,2 miliardi rispetto all'anno passato.
A fine 2017 il debito ammontava a 2.263,5 miliardi, pari al 131,2 per cento del Pil. Una percentuale, questa, destinata ancora a peggiorare visto che l'incremento del debito (di oltre il 3% del Pil) è stato assai superiore alla crescita del Pil stesso, salito in valore di poco più dell'1,1%.
Da una nota di Bankitalia si evinche che "l'aumento del debito nel 2018 ha riflesso il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (40,6 miliardi) e il lieve incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (5,8 miliardi, a 35,1). L'effetto complessivo degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione del cambio ha accresciuto il debito per 6,8 miliardi".
Quanto ai sottosettori, il debito consolidato delle Amministrazioni centrali è cresciuto di 54,7 miliardi, a 2.230,9, mentre quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 1,5 miliardi, a 85,6, e il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente stabile.