L'Ocse critica il governo: Di Maio fa la vittima e Salvini lo sprezzante

Giggino si aggrappa alla sindrome d'accerchiamento mentre il capo leghista si dice 'orgoglioso' delle marchette elettorali

Il gatto Di Maio e la volpe Salvini ingannano il burattino Conte: sui muri il fotogramma della pantomima italiana

Il gatto Di Maio e la volpe Salvini ingannano il burattino Conte: sui muri il fotogramma della pantomima italiana

globalist 1 aprile 2019

L'Ocse mette in discussione le marchette elettorali che tengono uniti Lega e M5s in un pattyo spartitorio di potere alla faccia degli italiani.


E loro recitano il solito copione: uno grida al complotto e mostra la sindrome d'accerchiamento e l'altro fa il gradasso.
Di Maio la vittima
"Andiamo avanti così, con lo scopo di restituire dignità ai cittadini. Qualcuno seduto su una scrivania lontano migliaia di chilometri crede che l'Italia per ripartire debba attuare politiche di austerity? Bene, le facessero a casa loro".


Così in un post su Facebook il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio commentando il rapporto dell'Ocse.L'Ocse a settembre 2018, sottolinea Di Maio, "ci chiedeva di non cancellare la Fornero. Oggi in un nuovo report scrive che bisogna subito abrogare Quota 100 perché crea debito e disuguaglianze. Poi scrive che il Reddito di cittadinanza 'incoraggia l'occupazione informale' e crea 'trappole della povertà'. Sapete cosa significa tutto questo? Che stiamo andando nella giusta direzione. Rispetto l'opinione di tutti, ma quando non perdi occasione per sparare contro il mio Paese e contro gli italiani no, mi dispiace, ma questo non lo accetto".
Salvini, lo sprezzante
"Quota 100 darà un lavoro sicuro a più di 100.000 giovani italiani e ne sono orgoglioso. Questo significa costruire il futuro, questa sarà vera crescita sociale ed economica". Così il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini.