Aggredito dagli ultras della Roma: Sean Cox resterà paralizzato tutta la vita

Alla vigilia del processo per gli incidenti prima di Liverpool-Roma parla la moglie del tifoso: voglio vedere in faccia gli imputati

Sean Cox fu ferito dagli ultras della Roma

Sean Cox fu ferito dagli ultras della Roma

Globalsport 9 ottobre 2018Globalsport

Un futuro da paralizzato. Un futuro da disabile al 100%: "Mio marito non tornerà più come prima". Parla al quotidiano irlandese Indipendent la moglie di Sean Cox, Martina. Il supporter irlandese del Liverpool che, lo scorso 25 aprile davanti all'Anfield Stadium, è stato aggredito da alcuni tifosi giallorossi, prima della semifinale di andata di Champions League, ha la parte destra del corpo paralizzata. "Sean vede doppio, a volte triplo, non riesce a parlare ma capisce tutto. Una tragedia che ci ha sconvolto la vita", spiega la donna. Intanto, come riporta la Bbc, la settimana scorsa è stato arrestato a Roma un terzo tifoso giallorosso.


Domani è previsto il processo a Filippo Lombardi, uno degli altri due ultrà romanisti arrestati. "Voglio vederlo in faccia", ha detto Martina Cox che ha fatto sapere che sarà presente in aula.


L’ultimo arrestato è un trentenne adesso accusato di aver preso parte alla colluttazione che ha paralizzato il tifoso dei Reds.