Trump annulla i colloqui di pace con talebani

Erano previsti per oggi in segreto a Camp David. I fondamentalisti afghani hanno rivendicato l'attacco di giovedì a Kabul in cui è rimasto ucciso, fra gli altri, un soldato americano.

Trump

Trump

globalist 8 settembre 2019

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato in una serie di tweet di non voler dar seguito ad un incontro segreto con i leader talebani previsto per oggi, domenica, a Camp David, dopo che i fondamentalisti afghani hanno rivendicato l' attacco di giovedì a Kabul in cui è rimasto ucciso, fra gli altri, un soldato americano. Il sergente di prima classe Elis A. Barreto Ortiz, originario di Porto Rico, è stato identificato dal Pentagono nelle scorse ore. E' il quarto militare Usa caduto in Afghanistan in due settimane.


"All'insaputa di quasi tutti, i principali leader talebani e, separatamente, il presidente dell'Afghanistan, domenica si sarebbero incontrati segretamente con me a Camp David - scrive Trump su Twitter -. Stasera (ieri, ndr) erano attesi negli Stati Uniti. Sfortunatamente, al fine di creare un'arma di pressione hanno ammesso un attacco a Kabul che ha ucciso uno dei nostri soldati migliori, e altre 11 persone. Ho immediatamente cancellato l'incontro e ho sospeso i negoziati di pace". "Che tipo di gente ucciderebbe così tante persone per tentare di incrementare la sua forza di contrattazione? Così hanno solo peggiorato le cose! Se non riescono ad accordarsi su un cessate il fuoco durante questi importantissimi colloqui di pace e uccidono addirittura 12 persone innocenti, probabilmente non hanno il potere di negoziare comunque un accordo significativo. Quanti altri decenni sono disposti a combattere?". Lunedì scorso - ricorda la Bbc - il negoziatore americano Zalmay Khalilzad aveva annunciato un accordo di pace "in linea di principio" con i talebani. Come parte dell'accordo proposto, gli Stati Uniti avrebbero ritirato 5.400 soldati dall'Afghanistan entro 20 settimane. Tuttavia, Khalilzad aveva precisato che l'approvazione finale del piano spettava al presidente Trump.