Carabiniere ucciso e razzismo: un caso di patologia della comunicazione

L'indiscrezione secondo la quale gli assassini fossero nordafricani ha indirizzato la giornata mentre la cattiveria e l'odio si esercitavano sui social

Uno degli statunitensi arrestati per l'omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega

Uno degli statunitensi arrestati per l'omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega

Onofrio Dispenza 27 luglio 2019
"Venerdì, maledetto venerdì". Parafrasando il bel film di John Schlesinger di ormai mezzo secolo fa, si potrebbe titolare così la sciagurata giornata di venerdì. Se uno studente dovesse fare una tesi su media e social, la giornata di ieri sarebbe perfetta da raccontare. Se esistesse la materia "Patologia della comunicazione", la tesi vi rientrerebbe perfettamente.
Scenario dei fatti, lo sappiamo, una delle strade che si lascia alle spalle il Palazzaccio, a Roma, a due passi da Castel Sant'Angelo. Il fatto, tragico, la morte di un uomo straordinario che nel suo impegno con la vita, in favore degli altri, aveva scelto di fare il carabiniere. Gli attori, lui e un paio di scellerati.
Questi i fatti e i personaggi, ma quel che qui voglio sottolineare a proposito di questo maledetto inizio di fine settimana romano è che il venerdì è stato tragico da un lato, sciagurato per l'informazione e per quell'informe pattumiera che sono diventati i social. Tanto sciagurato da apparire benevolo il duro giudizio che ne diede Umberto Eco.
Ci pensavo nella tarda serata di ieri seguendo per un po’ una delle tante rassegne stampa, quelle dove il giornalista si limita a leggere i titoli dei giornali come se dall'altra parte ci fosse un analfabeta. Gran parte dei titoli di apertura, dedicati alla tragica morte del nostro carabiniere erano vecchi rispetto alla confessione, prima di uno, poi anche del secondo assassino, arrivate quando le prime pagine erano state licenziate. I titoli suggerivano il vizio di partenza della notizia, perché le primissime notizie, al mattino, parlavano di due nord africani, due magrebini ai quali si dava la caccia, responsabili della feroce uccisione del carabiniere. Un vizio iniziale sul quale sarebbe interessante indagare. Interessante ricostruirne origine e passi successivi. Perché ha condizionato l'informazione dell'intera giornata, perché ha segnato il corso di quel Rio delle Amazzoni che sono i commenti sui social. Fortuna che una cosa sono i media e i social, altra cosa, questa sì seria, sono le indagini di polizia e carabinieri e il lavoro dei bistrattati magistrati. Fortuna vuole che gli uni e gli altri in Italiani il più delle volte siano bravi e scrupolosi. Ed è così che sono arrivati al dunque in poche ore, dando un volto e un nome agli assassini, ricostruendo i fatti anche nei minimi dettagli. Mentre magistrati e investigatori lavoravano sul serio per la giustizia, molti giornali erano con l'acquolina in  bocca in attesa della foto dei magrebini. Nel frattempo, la cattiveria e l'odio si esercitavano sui social, passando dai lavori forzati a vita suggeriti da chi in vita sua non ha mai lavorato, alla ghigliottina o la pila in piazza da ardere. Accessorio indispensabile, un muro nel Mediterraneo e qualche sventagliata di mitra ai gommoni.
Chi ha acceso la miccia? Chi ha detto per primo (e perché mai lo ha detto) che ad uccidere il carabiniere erano stati due magrebini? Chi ha scatenato così le più oscene tastiere d'Italia. Ieri sera su Facebook, quando ancora le cose non avevano preso la svolta decisiva, un  giornalista dell'Adnkronos, in chat con un amico, commentava che era stata la sua agenzia a dire per prima dei due nord africani. Ci piacerebbe chiedere a lui perché? Da chi lo avevano "saputo"? Non per indicare i colpevoli, ma per capire meglio certi meccanismi che finiscono con l'essere alla base di nuove dosi di veleno spalmati su un Paese che sembra aver smarrito il lume e sopravvivere soltanto per squarci di luce, l'ultimo  negli uomini del "Giarratano".
"Venerdì,, maledetto venerdì", dunque, scivolato in una notte che annunciava il sabato e chiariva le cose. I due nordafricani diventavano americani e per fare un torto a quanti s'affrettavano a cancellare sui social i commenti più feroci, la verità li ha voluti pure bianchi.