Facebook sull'eliminazione delle pagine fasciste: "Chi diffonde odio non ha spazio sui social"

Una nota diffusa da un portavoce del social network: "Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram"

I fascisti di CasaPound

I fascisti di CasaPound

globalist 9 settembre 2019
Una presa di posizione molto chiara. E c’è da aggiungere: finalmente.
I responsabili del più diffuso social network hanno spiegato la loro decisione di eliminare pagine che diffondevano razzismo e intolleranza.
"Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram. Per questo motivo abbiamo una policy sulle persone e sulle organizzazioni pericolose, che vieta a coloro che sono impegnati nell'odio organizzato' di utilizzare i nostri servizi. Candidati e partiti politici, così come tutti gli individui e le organizzazioni presenti su Facebook e Instagram, devono rispettare queste regole, indipendentemente dalla loro ideologia. Gli account che abbiamo rimosso oggi violano questa policy e non potranno più essere presenti su Facebook o Instagram". E' quanto si legge in una nota diffusa da un portavoce di Facebook.