Ute Lemper canta la Shoah, Marlene Dietrich e Bob Dylan

L'affascinante e bravissima cantante tedesca in quattro tappe con due spettacoli-concerto a Torino, Cuneo, Cesena, Roma

Ute Lemper

Ute Lemper

Ute Lemper in tour in Italia con due spettacoli, recital-concerti che rimandano comunque alla Memoria, alla Shoah, ai principi di libertà in una Berlino prima del nazismo. La cantante tedesca è al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino il 31 gennaio e al Teatro Toselli di Cuneo con "Songs for Eternity", canzoni sulle vittime dell'Olocausto composte nei lager tra il 1941 e il 1944. Domenica 3 febbraio al Teatro Bonci di Cesena e lunedì 4 febbraio alla Sala Santa Cecilia del Parco della Musica porta invece “Rendez-vous with marlene”, omaggio a Marlene Dietrich, l'attrice tedesca che furoreggiò in film come "L'angelo azzurro", che fu simbolo di Berlino e della Repubblica di Weimar, che partì per gli Stati Uniti nel 1930, che, durante la guerra, si proclamò apertamente contro Hitler e andò a tenere spettacoli per le forze alleate contro la sua ex patria.

Ute Lemper (con marito ebreo) ha scelto il titolo "Rendez-vous with Marlene" riferendosi a "una lunga telefonata deel 1988 tra la grande attrice e la giovanissima Ute a Parigi", dove Marlene Dietrich viveva da reclusa dal 1979 e dove morì nel 1992. Ute Lemper è stata più volte paragonata a una delle dive più amate della prima parte del '900. Nelle serate di Cesena e Roma interpreta anche brani di Pete Seeger ("Where have all the flowers gone"), la celebre " Lili Marleen" di Norbert Schulze e Hans Leip, Jacques Brel, Cole Porter, Bob Dylan, Charles Trenet e Leonello Casucci ("Just a gigolo").