Sospeso dal Csm il magistrato indagato per il B&B a luci rosse

Affittava la sua casa nel centro di Lecce alle prostitute. Indagato per favoreggiamento alla prostituzione insieme alla compagna poliziotta.

Donne in un appartamento

Donne in un appartamento

globalist 28 luglio 2016

Giuseppe Caracciolo, di 58 anni è stato sospeso. Per lui e per la moglie, una poliziotta di Brindisi, dopo l'apertura delle indagini sull'ipotesi di favoreggiamento della prostituzione arriva alnche la sanzione del Csm. In servizio presso la Suprema Corte, non poteva non sapere che il suo appartamento veniva utilizzato per un giro di prostituzione.


Un gruppo di ragazze rumene infatti si prostituiva all’interno di un appartamento del centro storico di Lecce.


Anzi, avrebbe affittato quell’immobile allegiovani donne perché si prostituissero e con il loro giro di affaripotessero pagare un canone di locazione, da lui imposto, ben superiore a quelli di mercato.


La sezione disciplinare del Csm - a quanto si apprende - ha disposto, in via cautelare, la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio, nonché il collocamento fuori dal ruolo organico della magistratura per Giuseppe Caracciolo, consigliere di Cassazione. La decisione è legata alla vicenda che vede il magistrato indagato con l'ipotesi di favoreggiamento della prostituzione nell'ambito di un'inchiesta della procura di Lecce. Il magistrato, che è indagato insieme alla sua compagna, è proprietario di un appartamento adibito a B&B e dato in affitto, in cui la polizia, all'inizio di luglio, ha scoperto che si prostituivano alcune ragazze straniere.