Dj Fabo è libero: è morto alle 11:40

Ultimo messaggio su facebook: "Sono arrivato qui con le mie forze e non con l'aiuto dello Stato per andare via da un mondo fatto di dolore"

Dj Fabo

Dj Fabo

globalist 27 febbraio 2017

Dj Fabo è morto. L'uomo di 39 anni ha esalato l'ultimo respiro in una clinica svizzera oggi, 27 febbraio 2017, alle 11:40. "Fabo è morto alle 11,40, ha scelto di andarsene rispettando le regole, di un paese che non è il suo'', ha scritto Marco Cappato sul suo profilo Facebook


L'ultimo messaggio di Fabo. "Sono finalmente arrivato in Svizzera, e ci sono arrivato purtroppo con le mie forze e non con l'aiuto dello Stato. Grazie a Marco Cappato per avermi sollevato da un inferno fatto di dolore". Sono queste le sue ultime parole affidate a un video su Facebok. Dj Fabo era arrivato ieri 26 febbraio 2017 in Svizzera, dove era stato ricoverato in una clinica per ricevere il suicidio assistito. Oggi, dopo le ultime visite di rito, è stata fatta l'eutanasia.


Il messaggio di Dj Fabo:


 



 


 


Fabiano Antoniani, meglio conosciuto come Dj Fabo, ha 39 anni ed è tetraplegico e cieco dall'estate 2014 in seguito ad un grave incidente stradale. Non è la prima volta che l'Associazione Coscioni interviene per aiutare una persona che vuole porre fine alla propria vita: Antoniani è il sesto di cui si ha notizia. Cappato aveva annunciato di aver accettato di aiutare Fabo su Facebook, ricevendo subito centinaia di commenti e condivisioni. Tutti messaggi per DJ Fabio, anche sul suo profilo social, di saluto, affetto, commozione, tristezza, "auguri di buon viaggio". Ma anche critiche allo "Stato sordo".


Il dibattito sulle norme in materia di eutanasia è stato avviato in Parlamento per la prima volta nel marzo 2013 e attualmente vi sono sei proposte di legge (una di iniziativa popolare presentata proprio dalla Coscioni) che dovrebbero confluire in un unico testo di legge, ma è tutto fermo da un anno. Va invece un po' più spedito il ddl sul Biotestamento, ma è stato proprio il terzo rinvio all'approdo in Aula alla Camera a determinare l'appello di due giorni fa di DJ Fabo al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per "sbloccare lo Stato di impasse voluto dai parlamentari". Da parte del Quirinale, però, finora non sono arrivati commenti.