Accettare l'omosessualità è accettare la pedofilia: medico a processo

La dottoressa è accusata di diffamazione verso i gay. Aveva anche detto che i rapporti tra persone dello stesso sesso è iniziazione al satanismo

Omofobia

Omofobia

globalist 11 luglio 2018

La domanda è: ma dove avrà studiato? O meglio: coisa ha realmente appreso di quello che ha studiato? A Torino la dottoressa Silvana De Mari, specializzata in chirurgia generale ed endoscopia dell'apparato digerente e in psicologia cognitiva, nonché scrittrice fantasy e blogger, sarà processata per diffamazione.
Stando all'accusa il medico avrebbe offeso più volte "l'onore e la reputazione delle persone con tendenza omosessuale" in "esecuzione di un medesimo disegno criminoso".
Il Coordinamento Torino Pride Lgbt ha accusato la donna di avere dichiarato in una intervista del 13 gennaio 2017 "che tollerare l'omosessualità equivale ad accettare la pedofilia […] Se si stabilisce che l'omosessualità non è un disordine di natura, allora anche la pedofilia lo può essere altrettanto […] il movimento lgbt vuole annientare la libertà di opinione e sta diffondendo sempre di più la pedofilia".
Il Torino Pride Lgbt accusa la dottoressa anche per una intervista durante il noto programma radiofonico di Radio 24 La Zanzara, nel corso della quale ha parlato di atti sessuali tra due persone dello stesso sesso come di "una forma di violenza fisica, anche usata come pratica di iniziazione al satanismo".
Le accuse degli Lgbt di Torino si riferiscono anche a dei post sui blog dove la dottoressa ha definito la "sodomia antigienica" affermando di avere il diritto "di chiederti se le mani, dopo aver toccato il pene estratto dalla cavità anale, ve le siete lavate anche con l'amuchina o solo con l'acqua, perché nel secondo caso preferisco non darvi la mano; se non avete usato l'amuchina c'è il rischio di beccarsi l'escherichia coli", dichiarando che "l'omosessualità è contro natura", sostenendo la tesi basandosi sui suoi studi medici e sulle "condizioni spaventose e malattie devastanti nelle endoscopie anali effettuate sugli omosessuali": "Queste persone hanno mai fatto una rettoscopia? Non considerano la tragedia delle malattie infettive?".