Italiano scomparso da 2 anni in Turchia: video shock con un mitra puntato alla testa

Nelle immagini Alessandro Sandrini, scomparso dal 2016, chiede aiuto all'Italia, alla sua famiglia e al Vaticano

Alessandro Sandrini

Alessandro Sandrini

globalist 11 luglio 2018

Spunta un video nella misteriosa vicenda di Alessandro Sandrini, il 32enne di Folzano, nel bresciano, scomparso in Turchia da quasi due anni. Sandrini nell'ottobre del 2016 era partito per una vacanza ad Adana, cittadina turca a 180 chilometri da Aleppo in Siria, ma da allora non ha più fatto ritorno.
In questi mesi c'erano state quattro telefonate alla madre in cui chiedeva aiuto allo stato, sostenendo di essere stato rapito. Ora il Giornale di Brescia riferisce dell'esistenza di un video in cui Sandrini è stato ripreso con una tuta da carcerato arancione e con alle spalle due uomini, che non si vedono in volto, ma che gli puntano contro due kalashnikov e un coltello. Nelle immagini il 32enne apparirebbe dimagrito e molto spaventato e ancora una volta chiede aiuto all'Italia, alla sua famiglia e al Vaticano. "Sono molto in ansia dopo aver visto il video - ha detto la madre - ho paura".
Sulla vicenda indaga la Procura di Roma, ma sarebbero attivi anche i Servizi segreti. L'ipotesi è che Sandrini sia stato rapito nella zona ai confini della Siria e da allora detenuto in attesa di un riscatto anche se restano ancora dei contorni poco chiari del sequestro.
Nelle stesse aree sempre nel 2016 era stato sequestrato un imprenditore, Sergio Zanotti, di cui non si hanno più notizie da un anno, quando gli ultimi drammatici messaggi dai rapitori ne lasciavano presagire l'uccisione.