Il dark web della prostituzione minorile: tre in carcere ad Aosta

Scoperta una vera e propria rete che adescava i minori sul web e poi li faceva incontrare con i clienti. Prezzo delle prestazioni: dai 50 ai 200 euro

Venduti in rete

Venduti in rete

globalist 10 agosto 2018

La Polizia di Aosta ha arrestato tre persone accusate di aver indotto alla prostituzione alcuni minorenni. L'attività di indagine, iniziata nel 2017 e condotta anche attraverso strumenti informatici e telematici, ha permesso di appurare l'esistenza di una 'rete di prostituzione minorile' di cui gli arrestati hanno ripetutamente approfittato pur essendo a conoscenza dell'età delle vittime.


Gli incontri venivano organizzati tramite annunci on line su siti web specializzati. A fronte delle prestazioni sessuali, i giovani erano pagati con un corrispettivo dai 50 ai 200 euro. Le modalità di approccio e la forte probabilità di reiterazione dei reati hanno portato all'emissione delle misure cautelari, con conseguente accompagnamento in carcere dei soggetti coinvolti nella vicenda. 


I tre arrestati, in base alle indagini della polizia, avevano conosciuto online i minorenni. Si tratta di adolescenti che all'epoca dei fatti avevano almeno 14 anni. Nessuno di loro era in particolare situazione di disagio sociale o familiare. Tra i destinatari di ordinanza di custodia cautelare c'è anche chi è residente fuori dalla Valle d'Aosta