Scarcerato il pusher italiano coinvolto nel femminicidio di Desirèe. Ora è ai domiciliari

Lo spacciatore italiano arrestato nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Desirèe Mariottini ha ottenuto gli arresti domiciliari.

Desiree Mariottini

Desiree Mariottini

Desk 6 dicembre 2018

M.M., il pusher italiano 36enne arrestato nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Desirée Mariottini, ha lasciato il carcere e si trova ora ai domiciliari . La gip Maria Paola Tomaselli ha disposto la scarcerazione per l'uomo dopo un interrogatorio in cui è stato difeso dall’avvocato Gabriele Galeazzi. Al termine dell'interrogatorio lo stesso pm Stefano Pizza ha chiesto la modifica della misura cautelare. Per la morte di Desirée sono in carcere altre 4 persone, tutti stranieri, accusati a vario titolo di omicidio e stupro.