Dopo gli attacchi a Toninelli gli Ncc bruciano un fantoccio di Luigi Di Maio

Non si placano le proteste degli autisti Ncc, che accusano il M5s di aver avallato una norma che favoreggia i tassisti e non rispetta il principio della concorrenza

Il fantoccio di Di Maio dato alle fiamme

Il fantoccio di Di Maio dato alle fiamme

globalist 27 dicembre 2018
Roma ancora una volta bloccata dagli Ncc, che continuano la loro protesta. E dopo Toninelli, che era stato preso di mira sulla sua bacheca nei giorni di Natale, ora è il turno del leader del Movimento Luigi Di Maio: un fantoccio con la sua faccia è stato dato alle fiamme a Piazza della Reoubblica dai manifestanti. Il fantoccio recava anche un cappio al collo.
La manifestazione, iniziata alle 14, ha visto decine di autisti provenienti da tutta Italia. Uno di loro, inoltre, ha minacciato di darsi fuoco "se non arrivano risposte entro stasera. Toninelli ha tolto la dignità alle persone che lavorano". L'uomo è stato subito fermato. 
La protesta degli Ncc si focalizza sul presunto favoritismo che la norma inserita in legge di bilancio faccia ai tassisti, facendo venire meno il principio della concorrenza.