L'allarme dei chirurghi: "siamo troppo pochi, con quota 100 diventeremo dei panda"

Vi è un salto di due generazioni e i pochi giovani che scelgono come specializzazione "chirurgia" spesso non rimangono in Italia. Il 55% degli specialisti ha tra i 50 e i 59 anni e in tutto il Paese sono 7500

Quota 100, l'allarme dei chirurghi: "siamo pochi e molti di noi lasciano l'Italia, è drammatico"

Quota 100, l'allarme dei chirurghi: "siamo pochi e molti di noi lasciano l'Italia, è drammatico"

globalist 14 marzo 2019
A lanciare l'allarme ci pensa Pierluigi Marini, professore di chirurgia mini-invasiva alla Sapienza di Roma, direttore dell'Uoc di chirurgia al San Camillo e presidente dell'Acoi, associazione dei chirurghi ospedalieri, che, in un'intervista al Mattino, annuncia che ci sarà il deserto nelle sale operatorie. 
"Il 55% degli specialisti si trova in una fascia di età fra i 50 e i 59 anni. Sa quanti sono i chirurghi in attività oggi in Italia? Sono 7.500 e già viviamo una serie di criticità negli ospedali. Ora di questi circa 1.700 stanno per lasciare perché a fine carriera e altri 1500 potrebbero optare per l'uscita con la finestra di quota 100. C'è un salto di due generazioni: è semplicemente drammatico".
Diventano conclamate una serie di criticità che si osservavano da tempo, spiega Marini: blocco del turnover, riduzione dell'attività ambulatoriale, taglio dei posti letto. Sui motivi per cui mancano i chirurghi, il professore spiega:"Su una platea media di 17 mila neolaureati solo 90, dico 90, scelgono come prima opzione la specializzazione in chirurgia. Non è solo questione di fatica. Oggi un giovane medico è preoccupato per i rischi professionali legati a eventuali azioni giudiziarie per colpa medica. Poi ci sono le difficoltà di accesso alla professione e il problema della formazione".
Il presidente dell'Acoi assiste con "rabbia" a questo declino, quando "noi in Italia abbiamo inventato la grande tradizione chirurgica europea".
Oltre a questo l'Italia "non è attrattiva" per i giovani "perché il sistema non premia il merito, perché gli stipendi sono bassi e perché il chirurgo opera con la spada di Damocle".