Catiuscia Marini non cerchi alibi nel maschilismo: uomo o donne le dimissioni erano doverose

Le donne avranno raggiunto finalmente la parità quando un certo tipo di donne non sfrutterà la propria appartenenza al genere per avere vantaggi o trovarsi degli alibi.

Catiuscia Marini

Catiuscia Marini

Claudia Sarritzu 17 aprile 2019
Chi mi segue nel mio lavoro su Globalist e anche con i miei libri, sa con certezza che sto sempre dalla parte delle donne discriminate o addirittura abusate che vedono la propria carriera andare in frantumi per colpa di una patriarcale organizzazione della società.
E chi mi conosce meglio sa anche che ciò che odio di più sono quelle donne che cercano alibi alle proprie responsabilità chiamando in causa maschilismo e sessismo senza motivo, solo per scagionarsi da una propria colpa.
Il danno che fanno alle donne realmente vittime di discriminazione è enorme.
Per questo quando stamane ho letto in un'intervista al Messaggero che l'ex governatrice dell'Umbria, Catiuscia Marini, ha rilasciato dopo le dimissioni, che il suo partito, il Pd: "Non può essere così giustizialista da inseguire il Movimento 5 stelle". Che lei ha ricevuto da Zingaretti l'invito a fare un passo indietro e l'ha fatto, dopo averci pensato per qualche ora, ma che c'è un dubbio che la assale: "Se fossi stato un presidente uomo il mio partito si sarebbe comportato alla stessa maniera? Ho letto brutte dichiarazioni e ho notato atteggiamenti che non mi sono piaciuti".
Ecco in quel momento sono trasalita.  C'è un'inchiesta che fa emergere un grande problema politico, c'è un Pd che sta cercando di ritrovare una dignità negli ultimi anni perdura. C'è un nuovo segretario che sta riportando con fatica a sinistra un partito smarrito e in questo caso e preciso momento le sue dimissioni sono un atto dovuto e necessario. Chiunque sia un minimo responsabile le avrebbe presentate.
Ergo la questione di genere non va chiamata in causa. Sia perché non c'entra con questa vicenda sia perché ci vuole rispetto per la questione di genere.  Le donne avranno raggiunto finalmente la parità quando un certo tipo di donne non sfrutterà la propria appartenenza al genere per avere vantaggi o trovarsi degli alibi.