Svolta sul caso Noemi: arrestati il killer e il suo complice

La piccola era rimasta gravemente ferita mentre cercavano di uccidere un pregiudicato. L'arrestato si chiama Armando Del Re

L'agguato alla piccola Noemi a Napoli

L'agguato alla piccola Noemi a Napoli

globalist 10 maggio 2019

Un’indagine lampo: c’è stata una svolta nelle indagini sul grave ferimento della piccola Noemi, la bambina di 4 anni coinvolta in un agguato venerdì scorso in piazza Nazionale a Napoli, nel quale è stata raggiunta da un colpo di pistola in strada ed è rimasto ferito anche il 31enne Salvatore Nucaro.
Nella notte la polizia ha arrestato due persone: sono accusate di essere il killer che ha sparato e un suo complice.
Si chiama Armando Del Re l'uomo che e' stato arrestato con l'accusa di essere colui che ha sparato venerdi' scorso in Piazza Nazionale a Napoli ferendo gravemente la piccola Noemi. A catturarlo sono stati i Carabinieri, ma nelle ricerche e nella caccia all'uomo, coordinata dalla Procura di Napoli, sono state impegnate tutte le forze di polizia.


I primi dettagli dell'indagine


l tentato omicidio è maturato in pieno contesto camorristico. Lo ha spiegato il procuratore di Napoli, Giovanni Melillo, nel corso di un incontro in Procura. Armando Del Re, ritenuto colui che ha sparato, è stato preso in provincia di Siena. Il fratello Antonio invece è stato fermato nell'hinterland napoletano, nei pressi di Nola. Sono entrambi accusati di tentato omicidio premeditato.
La bimba di tre anni si trova ricoverata in "lieve graduale miglioramento della funzione respiratoria" all'ospedale Santobono. I medici hanno fatto sapere che "è stata possibile la riduzione dell'apporto di ossigeno mediante ventilazione, ma rimane sedata".