Insulti razziali contro la Kyenge: condanna definitiva per il leghista Borghezio

La Cassazione ha messo la parola fine ala vicenda cominciata nel 2013 con gli insulti del leghista alla parlamentare italiana 'colpevole' di essere nera.

Mario Borghezio

Mario Borghezio

globalist 21 maggio 2019
Finalmente è il caso di dire: è stata confermata dalla Cassazione la condanna per diffamazione aggravata dalla finalità di odio razziale nei confronti di Mario Borghezio. L'ex europarlamentare della Lega dovrà pagare mille euro di ammenda per aver insultato l'ex ministro all'Integrazione Cecile Kyenge nel corso della trasmissione radiofonica "La Zanzara", il 29 aprile 2013. E' stato così confermato il verdetto emesso dai magistrati di Milano in primo e secondo grado.
Il Tribunale di Milano aveva stabilito una sanzione di 50mila euro. Entro un mese, la Quinta sezione penale della Suprema Corte depositerà le motivazioni del suo verdetto emesso lunedì sera.