Briatore sceglie Salvini: "Avrei votato per lui, per come si è dato da fare"!

Il ricco teorico del lusso apprezzava Renzi e ora si sente vicino a Capitan Nutella

Flavio Briatore

Flavio Briatore

globalist 28 maggio 2019
Se mai qualcuno dovesse avere dei dubbi su come la Lega sia amica dei poveri quanto un lupo con l'agnello, bisognerebbe ascoltare le parole di Flavio Briatore. Che dall'essere un fan di Matteo Renzi, ora dichiara che alle europee "avrebbe votato Salvini". Avrebbe, ovviamente, perché l'imprenditore in occhiale da sera non si è scomodato di tornare in Italia per votare ma ha preferito rimanere nella sua Montecarlo, attendendo un "certificato dell'Ambasciata che però non è mai arrivato. Di solito per le politiche lo ricevo" cerca poi di giustificarsi a 'Un giorno da Pecora'. 
"Salvini è l'unico ministro che, da quando conosco cosa succede in Italia, si è dato da fare, ha fatto un lavoro incredibile. Ora penso che debba iniziare a governare e smettere di andare sulle piazze, non si può stare sempre in campagna elettorale, ora c'è bisogno di governare questo Paese perché è un disastro" dice Briatore, che rimane comunque sprezzante sui cinque stelle: "Ormai la gente si è accorta che i Cinquestelle sono nulli: gente impreparata, che ha avuto la fortuna di arrivare lì per un voto di protesta. Si sono rivelati nulli e la gente ha capito". Salvini, dunque, dovrebbe lasciarli? "Ora bisogna lavorare: l'Italia ha bisogno di qualcuno e bisogna comincia a lavorare".