Sessismo a scuola: una classifica delle liceali più avvenenti, le ragazze protestano contro i compagni

Le studentesse di un liceo di Bolzano scrivono una lettera contro la “pagella sessista” su cui erano riportati i voti assegnati al loro aspetto fisico dai compagni di scuola

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

globalist 31 maggio 2019

I ragazzi stilano la classica delle compagne più avvenenti, le ragazze si ribellano. Accade al Liceo Classico “Carducci” di Bolzano, dove un documento dal titolo piuttosto eloquente e poco elegante (“Figadvisor, dalla più alla meno bombabile”) ha fatto scattare la polemica, che è sfociata in una dura lettera di protesta delle studentesse. Lo riporta il Corriere della Sera.


Sulla “pagella” erano riportati i voti assegnati all’aspetto fisico di ciascuna ragazza: un gesto che non è piaciuto alle dirette interessate che, dopo un confronto con il dirigente Andrea Pedevilla, hanno scritto e affisso all’entrata della scuola una lettera in cui chiedono rispetto. Nella nota si legge:



“La nostra essenza viene annullata in un singolo numero, veniamo valutate con giudizi pesanti in base all’estetica e a quanto siamo curate quel giorno. Ogni difetto diventa motivo di scherno ma quello che ci chiediamo è chi siano i nostri compagni per permettersi di giudicarci in questo modo? Siamo stufe di questo atteggiamento e chiediamo si avvii una riflessione”.



Il dirigente scolastico, da par sua, ha convocato i ragazzi che hanno stilato la classifica nel suo ufficio e al Corriere ha dichiarato:



“L’importante era riflettere assieme a loro e far capire come stessero svalutando la dignità femminile e le singole caratteristiche umane delle compagne. Il mio obiettivo è stato quello di risolvere in fretta la situazione e fare in modo che questo tema si parlasse nelle classi: cosa poi avvenuta […] I ragazzi si sono subito scusati con me e con le dirette interessate. Già in serata il caso era chiuso e sono state le stesse studentesse ad accettare le scuse rimanendo soddisfatte di poterne parlare in aula. Il sovrintendente scolastico Vincenzo Gullotta è stato informato della vicenda. Poi è scoppiato il clamore mediatico”.



A proposito di clamore, le ragazze e altre persone legate alla scuola sarebbero rimaste infastidite dal risalto che la vicenda ha incontrato.