Papa Francesco: "servire i poveri e i più bisognosi è nel Vangelo, non è comunismo"

Le parole del Papa all'udienza delle realtà carismatiche e poi ai bambini: "Le grandi guerre iniziano con il piccolo odio"

Papa Francesco

Papa Francesco

globalist 9 giugno 2019

Lo aveva già detto in passato e lo ha ripetuto: servire i poveri, i più bisognosi è nel Vangelo, non è comunismo.
Parola attraverso le quali Papa Francesco ha chiesto di condividere l’amore di Dio per ogni essere umano nell’udienza alle realtà carismatiche riunite nel Charis, il Catholic Charismatic Renewal International Service.
Essere accanto agli ultimi è una delle priorità, sottolinea il Pontefice. Ma questo non vuol dire che il Rinnovamento si è fatto comunista, ha aggiunto a braccio scherzando.
 E, parlando del servizio al prossimo, il Papa chiarisce che significa “dare, darsi” mettendo in guardia dalla tentazione di “incassare” o di cercare «i profitti personali» e dall’ ambizione di farsi vedere, di dirigere, dei soli. Così entra la corruzione, ha concluso.
L’incontro con i bambini
“Le grandi guerre iniziano col piccolo odio”. Le parole del Papa ai bambini arrivati in Vaticano da Genova, Napoli e la Sardegna nella cornice dell’iniziativa “Il Treno dei bambini”, organizzata dal Pontificio Consiglio della Cultura in collaborazione con le Ferrovie dello Stato e le Compagnie di navigazione del gruppo Onorato Armatori.