Imma Battaglia: "il governo è pieno di omosessuali ipocriti"

La politica e attivista per i diritti lgbt: "davanti alle magliette nere, alle svastiche e alle teste rasate noi rispondiamo con i colori del Pride"

Imma Battaglia con la moglie Eva Grimaldi

Imma Battaglia con la moglie Eva Grimaldi

globalist 11 giugno 2019
La celebre politica e attivista Lgbt Imma Battaglia rilascia un'intervista a Radio Cusano Campus dove ha parlato, tra le altre cose, del suo matrimonio con l'attrice Eva Grimaldi: "Il video del matrimonio ha avuto 3 milioni e mezzo di visualizzazioni. L’altro giorno ci hanno fermato per strada degli americani che lo avevano visto” racconta, ma il punto focale dell'intervista è sicuramente il periodo dei Pride che stanno attraversando l'Italia da nord a sud: "Nel corso dell’anno sono stati organizzati 40 pride, segno che le persone ancora non si sentono libere e rispettate. “Davanti alle svastiche, le magliette nere e le teste rasate un gay pride fa bene a tutti, anche a loro. Il mondo è meglio a colori che in nero". 
“Se io sono razzista e un politico anche, mi sento legittimato”, Imma Battaglia chiede alla classe politica più responsabilità. ”È pieno di omosessuali ipocriti in questo governo”, “potrei parlare di fatti e dimostrare certe ipocrisie, ma non lo faccio perché non mi interessa e non l’ho mai fatto”. Imma Battaglia non si risparmia neanche su Salvini: “Bacia il rosario, ma il suo vissuto personale è in totale contraddizione con quei valori”.