Palermo, i fascisti di 'Audaces' in un blitz sigillano le sedi di Pd, Amnesty ed Emergency

Il segretario del Pd in Sicilia Davide Faraone inoltre denuncia: "minacce a me e alla mia famiglia". Solidarietà dai vertici del partito

La sede di Emergency sigillata dai fascisti

La sede di Emergency sigillata dai fascisti

globalist 3 luglio 2019
Le sedi di Palermo di Amnesty International, Emergency, Pd sono state sigillate con del nastro adesivo dai fascisti del gruppo di Audaces, composto prevamentemente da giovani studenti. L'azione è stata rivendicata con tanto di foto e comunicato stampa: "Dopo aver manifestato il nostro dissenso contro le ong questanotte, con questa nostra azione, abbiamo deciso di anticipare il destino di chi è complice delle azioni crimnali di cui le ong si sono macchiate, chiudendo simbolicamente le sedi di Emergency, Amnesty e del PD, per aver difeso e promosso l'attività criminale delle Ong".
Davide Faraone, segretario del Pd in Sicilia, tra l'altro uno dei parlamentari salito a bordo della Sea Watch, ha inoltre avvertito che ha ricevuto delle minacce su Messenger, dove gli è stato scritto: " L’importante nella vita è di stare in buona salute… sappiamo dove vivi tu e la tua famiglia". Faraone ha commentato: "A questi fascisti codardi diciamo che non arretriamo di un millimetro, che non abbiamo paura e che andremo sino in fondo per difendere il principio di solidarietà e i valori della nostra Costituzione democratica. Un abbraccio ai militanti del circolo Pd, non siete soli, coraggio. Noi andiamo avanti“.  Il segretario nazionale dei dem, Nicola Zingaretti, interviene su quanto accaduto: "A Faraone e al Pd di Palermo va la mia solidarietà per le vili minacce ricevute. Siamo con voi e andremo fino in fondo per sostenere le ragioni della legalità e dell'umanità".
Esprime vicinanza a Faraone e al Pd di Palermo anche il capogruppo Pd alla Camera, Graziando Delrio: "A Davide Faraone e agli iscritti e militanti del circolo Pd della quinta circoscrizione di Palermo la solidarietà dei deputati democratici e mia personale. Minacce e vili atti di intimidazione non fermeranno loro e tutti noi nella battaglia per la difesa dei diritti umani e dei principi fondativi della nostra Repubblica. Nessuno si illuda, né parole né gesti d'odio riusciranno a intimorire la comunità dei Democratici".
"Quello che è avvenuto al circolo Pd del quartiere Noce è un ennesimo segnale che preoccupa: c'è un clima sempre più avvelenato ed esasperato e c'è chi pur avendo ruoli di responsabilità istituzionale alimenta tensioni sociali. Ai militanti del circolo ed al suo segretario Filippo Carnesi va la solidarietà mia personale e del gruppo dem all'Ars", dice il capogruppo dem all'Ars Giuseppe Lupo. "Siamo di fronte ad un gesto vigliacco, frutto di un clima di tensione alimentato ad arte - ha aggiunto il deputato dem all'Ars Antonello Cracolici - E' importante fare luce su quanto accaduto, certi episodi sono avvisaglie di una intolleranza sempre più diffusa e pericolosa".
Solidarietà arriva dal presidente della commissione regionale Antimafia Claudio Fava: "Il gesto di chi ha attaccato le sedi di emergency palermo, amnesty international e del circolo della v circoscrizione del partito democratico non va sottovalutato. È indice di una preoccupante escalation di intolleranza che va fermata. Esprimo la mia forte solidarietà alle organizzazioni vittime di questa vigliacca provocazione".
Interviene anche il sindaco Leoluca Orlando: "L'atto intimidatorio condotto da 'Audaci' vigliacchi che agiscono nell'oscurità, contro le organizzazioni umanitarie emergency ed amnesty international e contro una sede del pd, è l'ennesimo fatto grave che dimostra come certi gruppi neofascisti pensano di poter agire indisturbati perchè spalleggiati politicamente dal ministro dell'interno".