Razzista e misogino, Trump chiama una politica 'isterica' e sostiene di essere un 'vero genio'

In una serie di Tweet dedicati al Social Media Summit alla Casa Bianca, Trump si è sbizzarito tra insulti e deliri di onnipotenza

Donald Trump

Donald Trump

globalist 11 luglio 2019
Sebbene lui lo neghi, Donald Trump - ma questo vale anche per tanti altri leader conservatori e sovranisti - senza i social media non sarebbe mai diventato presidente degli Stati Uniti. Lui sostiene il contrario, come ha twittato oggi stesso, dando sfoggio della sua proverbiale umiltà: "Sarei diventato presidente senza i social media? Sì (probabilmente)!" ha scritto in uno dei tweet che ha dedicato al Social Media Summit in programma oggi alla Casa Bianca. Social media che usa costantemente, ma che Trump accusa di discriminazione nei confronti del pensiero conservatore. È per questo che, tra gli invitati al summit, non figurano Twitter e Google, ma solo media conservatori e, anche, movimenti e personalità dell'estrema destra statunitense.
Tra l'altro, nella serie di tweet Trump scrive due cose, entrambe molto preoccupanti: la prima è "quando lascerò l'incarico tra sei, o forse 10 o 14 anni (sto scherzando)". Come è noto, se Trump dovesse vincere il suo secondo mandato - cosa che è stata più o meno regolare per i precedenti presidenti Usa - non avrebbe possibilità di correre per un terzo. Quel 'just kidding' tra parentesi non nega il fatto che abbia comunque parlato apertamente della possibilità di governare più a lungo di quanto previsto dalla Costituzione americana. 
Nei tweet successivi, Trump poi scrive: "vi immaginate di avere come presidente quell'addormentato di Joe Biden, o Alfred E. Newman oppure una versione isterica e magrolina di Pocahontas?". 
A chi si riferisce? Tra parentesi Trump aggiunge una cifra 1/1024, che è un riferimento ad Elizabeth Warren, una politica americana che nel 2018 si è sottoposta al test del Dna per dimostrare una discendenza con i Nativi americani. Il Boston Globe ha rivelato che i risultati mostravano che Warren aveva tra il 1/64 e il 1/0,24 di sangue indigeno. Il commento di Trump, oltre ad essere profondamente misogino (l'unica donna tra i citati è definita 'very nervous') è anche razzista per quel commento a Pocahontas. 
Trump si è poi definito un "vero genio equilibrato".