Il governo uno "zoo di terroni"? Un'associazione querela Feltri

A fare la denuncia è l'associazione Mespi (Movimento Economico Social Popolare Intereuropeo) che si occupa anche di contrastare l'immagine negativa dei meridionali

Vittorio Feltri con un estratto del suo editoriale

Vittorio Feltri con un estratto del suo editoriale

globalist 12 settembre 2019
Governo di terroni? Per Vittorio Feltri è scattata la querela per il recente editoriale su Libero scritto appositamente per provocare polemiche dal titolo "Lasicamo a Conte il suo zoo pieno di terroni".
A presentare la querela presso il Tribunale di Salerno è l'associazione culturale Movimento Economico Social Popolare Intereuropeo (Mespi), che si occupa, tra l'altro, di monitorare i mass media per contrastare l'immagine spesso negativa dei meridionali, e presieduta dall'ingegner Francesco Terrone.
"Sono Terrone, di nome e di fatto", ironizza l'ingegnere salernitano. "Al di là dell'uso chiaramente offensivo e denigratorio della parola 'terroni', accostare l'epiteto al termine 'zoo', per quanto riferito al governo del Paese, impone l'idea, che non puo' sfuggire all'intenzione di chi la scrive, che i terroni siano tutti animali", sottolinea Mespi nella denuncia. "Non vivo assolutamente in uno zoo. Vivo grazie a quello che Dio ci dona ogni giorno e grazie a questo dono, lungo la mia vita, cerco di donare alla gente il meglio di me stesso", afferma Terrone.