I frati di Assisi a Liliana Segre: saremo noi la sua scorta fraterna

La senatrice a vita è ancora incredula per le minacce e la doverosa protezione dei carabinieri. Ma i francescani sono vicini: "Solidarietà l'incoraggiamento ad andare avanti e non fermarsi "

I francescani di Assisi

I francescani di Assisi

globalist 8 novembre 2019

Lei è ancora sgomenta e sbigottita: "Certamente non mi aspettavo la scorta, poi essendo una vecchietta...Io non l'ho mai chiesta e non pensavo mai che l'avrei avuta". Lo ha spiegato la senatrice a vita Liliana Segre in una intervista a Rainews24.
Intanto
"Dalla comunità dei frati della Basilica di San Francesco, luogo dove è partita l'iniziativa contro i muri mediatici e l'uso delle parole come pietre, 'La Carta di Assisi', arrivi alla Senatrice Liliana Segre la piena solidarietà e l'incoraggiamento ad andare avanti e non fermarsi davanti ai bulli del web".
E' il messaggio dei frati del Sacro Convento di Assisi, che "si impegnano ad essere la scorta fraterna" della senatrice Segre. "La testimonianza e la vita di Liliana Segre - afferma in una nota il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento, padre Enzo Fortunato - sono un punto di riferimento per tutti gli uomini di buona volontà sui temi della solidarietà, della pace e del bene comune".


"I frati del Sacro Convento di Assisi - conclude quindi padre Fortunato - si impegnano sin da subito ad essere la sua scorta fraterna e vigile".