Medaglia d'Oro della Croce Rossa a Liliana Segre, la senatrice: "Oggi sono con chi ha scelto di essere giusto"

"Ho conosciuto gli ingiusti" ha detto la senatrice a vita, che è stata anche onorata dagli studenti con un murale, "ma oggi sono con chi ha scelto la giustizia e mi ritengo fortunata"

Liliana Segre nel murale della Cri

Liliana Segre nel murale della Cri

globalist 1 dicembre 2019
La senatrice a vita Liliana Segre ha ricevuto questa mattina la Medaglia d'oro al Merito della Croce Rossa Italiana direttamente dal Presidente Francesco Rocca "in segno di apprezzamento e riconoscenza per essere portatrice di pace. Per la perseveranza nel mettere la propria esperienza personale e le energie necessarie al servizio della nostra comunità. Per la dedizione e l’impegno profuso nel tramandare la memoria alle nuove generazioni. Per la sua costante azione di sensibilizzazione contro ogni forma di discriminazione". 
Liliana Segre, ricevendo il premio, ha commentato: "Voi avete scelto tutti di essere dei giusti. Sono così fortunata, felice e onorata che, lasciando indietro per sempre e spero in gran parte gli ingiusti, oggi sono qua con i giusti e vorrei ringraziarvi uno per uno e stringervi la mano uno per uno. Perché essere vicino ai giusti dà quel senso della vita per cui non per niente sono stata risparmiata".
Essere qui oggi in mezzo a voi" ha continuato la senatrice, "mi fa per forza di cose fare un confronto. Ho conosciuto gli ingiusti, dei medici che avevano dimenticato il giuramento di Ippocrate, persone che avevano scelto il male perché era più comodo non ribellarsi, far finta di non vedere, obbedire agli ordini. Quando sono diventata matura, ho capito che di queste persone non avevo più paura, ma che le giudicavo col pensiero e nel ricordo, ma in fondo a me c'era il senso di pena, e questo voleva dire avere raggiunto una serenità anche grazie alla mia famiglia".
"Provare pena per gli ingiusti e verso quei milioni di persone che con indifferenza avevano fatto dell'Europa un mondo spaventoso in cui gli eletti erano pochi, pochi quelli che avevano fatto una scelta diversa - ha concluso - Questo pensiero ha assunto piano piano una importanza diversa, cioè quella di sottolineare e tenere alto l'impegno dei giusti".
Durante l'evento i ragazzi di Scribing.it l'hanno raffigurata e immortalata all’interno dei murales con tutti i volti simbolo dell'evento 'Jump19'.