"La Lega delle Leghe è un'ottima idea": la destra francese ama i lumbard

Rassemblement National, il nuovo nome del Front National di Marine Le Pen, favorevole ad un raggruppamento di tutti i patrioti di tutti i Paesi europei

Gilles Lebreton

Gilles Lebreton

globalist 3 luglio 2018

Arriva l'adesione della destra francese alla proposta lanciata da Matteo Salvini a Pontida di creare una Lega delle Leghe, un raggruppamento che riunisca gli euroscettici dell'Ue.
Via libera dal Rassemblement National, il nuovo nome del Front National, guidato da Marine Le Pen. Un cambio di nome per cercare di "depurare" il partito dal suo passato razzista e xenofobo per trovare nuovi alleati e puntare alle presidenziali francesi del 2022.
"La Lega delle Leghe è un'ottima idea - ha detto Gilles Lebreton, europarlamentare del Rassemblement National, che siede nel gruppo Enf, lo stesso della Lega - ma la leadership dovrà essere condivisa".
"In verità Matteo Salvini, quando stava tra noi nel gruppo Enf - ha ricordato Lebreton - era già favorevole ad un raggruppamento di tutti i patrioti, di tutti i Paesi europei. Ora che è al governo in Italia, riprende l'idea e la sviluppa: mi sembra un'ottima idea, perché in effetti l'Europa vive una crisi molto grave, una crisi migratoria, e per farvi fronte tutti i patrioti devono unirsi: più siamo uniti, più saremo forti".
Ma la guida di questo raggruppamento dovrà essere unica o plurale? "Ah no - ha risposto Lebreton - per la Lega delle Leghe occorrerà sicuramente una leadership condivisa. Ci sono più popoli europei che hanno la vocazione ad unirsi e dunque un solo capo non andrebbe bene. Ma è evidente che Salvini, che ha lanciato l'idea, è destinato a fare parte della direzione".