Dopo i porti Salvini pensa di chiudere persino gli aeroporti

In risposta al progetto tedesco di mandare in Italia due voli charter pieni di immigrati secondari, il Ministro risponde con un'altra sfida

Salvini

Salvini

globalist 7 ottobre 2018

È arrivata la replica di Matteo Salvini sulla questione dei migranti "dublinanti", o immigrati secondari, ossia quelli che vengono rintracciati in paesi europei diversi da quello di primo ingresso: "Se qualcuno, a Berlino o a Bruxelles, pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli charter non autorizzati, sappia che non c'è e non ci sarà nessun aeroporto disponibile. Chiudiamo gli aeroporti come abbiamo chiuso i porti".


I migranti secondari sono circa 40.000 in Germania e proprio a ieri risale l'annuncio che il governo tedesco sta progettando di rinviarli in Italia con due voli charter il prossimo 9 ottobre, cosa di cui il Viminale ha detto di non essere al corrente. E Salvini torna a lanciare la sua sfida alla Germanie e all'Europa.