Prodi: "Salvini è razzista e i cinque stelle devono studiare di più"

L'ex premier: "la nostra cultura non si difende con l'odio, ma con la cultura. Salvini continua a dire che noi siamo diversi dagli altri, questo lo rende un razzista"

Romano Prodi

Romano Prodi

globalist 5 marzo 2019
Non va per il sottile Romano Prodi, ospite a DiMartedì su La7, dove ha affermato: "Quando dici 'noi siamo diversi dagli altri'" sei razzista. Quindi Salvini da questo punto di vista e' razzista". 
"Noi siamo una parte di mondo" ha detto l'ex premier "con una grande cultura, una grande civiltà che dobbiamo custodire, ma con la cultura e non con l'odio".
Per l'ex premier il governo "ha già acuito molto" le tensioni sociali. Però, riflette, "secondo me è un momento di riflessione in cui non c'è più il desiderio per definizione di tensione, di lite, che c'era stata fino a qualche mese fa. Adesso la gente comincia a dire 'insomma dobbiamo convivere con gli altri perché se no se siamo isolati è sempre peggio'. Non si può litigare con i francesi, i tedeschi e con tutti. Questo è un sentimento nuovo che vedo arrivare".
Secondo Prodi, "in questo momento c'è un senso di attesa, cioè è finita l'illusione e sta arrivando la disillusione se non c'è un risultato" ed è "finita l'illusione che questo risolva i problemi, che facendo la faccia cattiva il mondo ci ubbidisca e i problemi restano anzi si aggravano".
Quanto al M5s, "sì, dovrebbero studiare di più. Posso sembrare snob, ma voglio dire solo che studiare serve", ha concluso Prodi.