Di Maio si smarca: "Nessun nostro parlamentare sarà presente al Congresso delle Famiglie"

Si avvicina la data del Congresso delle Famiglie e Di Maio dichiara che "a un convegno dove si arriva persino a negare il tema della violenza contro le donne, non ci vado. E non ci andrà nessun parlamentare del Movimento"

Di Maio: "Nessun nostro parlamentare sarà presente al Congresso delle Famiglie"

Di Maio: "Nessun nostro parlamentare sarà presente al Congresso delle Famiglie"

globalist 18 marzo 2019
In vista del Convegno di Verona Di Maio non ci sta, nega la sua partecipazione e la vieta anche ai suoi colleghi di partito. 

"Ve lo dico: se qualcuno di voi pensa che la donna debba restarsene a casa a farsi dire quello che deve fare, allora il Movimento 5 Stelle non è per voi". Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio, ribadendo la sua contrarietà al forum sulla famiglia.
"Io a un convegno come quello di Verona, dove si arriva persino a negare il tema della violenza contro le donne, non ci vado. E non ci andrà nessun parlamentare del Movimento", aggiunge Di Maio.

Il ministro del Lavoro ha ribadito che il M5s "ha un'altra idea di mondo. Noi pensiamo che la famiglia sia sacra, ma crediamo anche nelle libertà, nei valori, nel progresso. E vi dirò, questi valori a me li ha insegnati proprio mia madre".
Il Congresso delle Famiglie, fortemente voluto dal ministro Fontana, è in programma dal 29 al 31 marzo nella città scaligera.

"Se tocchi una donna, sconti fino a 12 anni" - Il vicepremier ha poi ringraziato al suo collega della Giustizia, Alfonso Bonafede, "per l'introduzione di una serie di misure nel Codice Rosso che puntano a elevare le pene per i reati di violenza sessuale, stalking e maltrattamenti in famiglia. Se tocchi una donna, sconti fino a 12 anni di carcere. Grazie Alfonso, grazie perché questo è un importante passo di civiltà in un momento in cui il Paese ne ha veramente bisogno".