La dissidente Elena Fattori: "sulla Diciotti Salvini è stato un debole"

"Ha fatto la voce grossa e poi ha chiesto al parlamento di salvarlo": così la senatrice M5s difende il suo voto contro Salvini

Elena Fattori

Elena Fattori

globalist 20 marzo 2019
Elena Fattori è una delle tre senatrici 'dissidenti' del Movimento cinque stelle, insieme a Paola Nugnes e Virginia La Mura, quelle definite da Paola Taverna una 'pletora di miserabili'. Eppure, nononstante gli insulti e le minacce dei vertici del Movimento, la Fattori dichiara non se l'è sentita di "dichiarare una stupidaggine: questo governo non sarebbe caduto comunque e Salvini si è dimostrato un debole, perché si è rivolto al Parlamento per non essere processato, quando aveva fatto la voce grossa. Doveva dimostrare di saper affrontare la giustizia che vuole sempre applicare agli altri".
Lo ha dichiarato a Otto e Mezzo, ospite di Lilli Gruber
"Oggi dovevamo solo dire se c'era un prevalente interesse costituzionale a trattenere delle persone sulla nave Diciotti: è evidente che non è così, non prendiamoci in giro, tant'è vero che poi le persone sono scese dalla nave e non è successo niente", ha aggiunto Fattori, che ha affermato di essere pronta ad "andare a processo dai probiviri" ad "affrontare la giustizia, quello che non ha voluto fare Salvini".