Il medico gli consiglia di non faticare per le Europee (non ne vale la pena) ma Silvio non demorde

Alberto Zangrillo, medico di Berlusconi, consiglia riposo al suo paziente alla vigilia delle Europee. Il leader di Forza Italia: "Mi spiace deludere gli avversari, sto bene".

Berlusconi

Berlusconi

globalist 1 maggio 2019

Non è stato un intervento facile per Silvio Berlusconi, operato per un'occlusione intestinale alla vigilia delle elezioni Europee. Lui dice di stare sta bene e conta di tornare a casa nel giro di pochi giorni ma c'è chi gli consiglia riposo, anche se in piena campagna elettorale. Portare a termine l'impegno per le Europee "dipenderà da lui", assicura Alberto Zangrillo, medico del Cavaliere, che ha aggiunto: "Ovviamente è argomento che mi appassiona poco ma, se proprio dovessi, dal punto di vista medico gli direi 'Ma stattene a casa che non ne vale la pena'".


A ogni modo, il medico è sicuro che il suo paziente non accetterà affatto il consiglio e dice: "Siccome probabilmente non sarà così, il mio compito sarà quello di prepararlo per la volata finale in modo che lui vinca come è abituato a fare". Il leader di Forza Italia, operato all'ospedale San Raffaele di Milano, non sembrerebbe spaventato dalla convalescenza.


D'altronde, nelle scorse ore, era stato lo stesso Berlusconi a rassicurare gli elettori sul suo stato di salute: "Grazie a tutti per l'affetto e per i tanti messaggi ricevuti. Sono in forma e pronto per questa campagna elettorale!". Così, su Facebook, Silvio Berlusconi, che aveva poi rincarato la dose: "Mi dispiace deludere i nostri avversari, ma io sto bene".


Subito dopo il ricovero, le fonti ufficiali dell'ospedale avevano affermato: "Il presidente Silvio Berlusconi nella notte del 29 aprile ha accusato sintomi addominali. Una tomografia computerizzata ha rilevato uno stato occlusivo a carico del piccolo intestino". Il presidente Berlusconi "è stato sottoposto in serata a laparoscopia esplorativa che ha permesso di diagnosticare e trattare l'occlusione intestinale da volvolo ileale su una briglia aderenziale dovuta ad un intervento di colecistectomia eseguito 40 anni fa". "L'intervento è correttamente riuscito ed è stato risolutivo. Il presidente è ora in salute e sarà dimesso nei prossimi giorni".