Il ministro Costa: "Sulla Terra dei Fuochi Salvini non ha fatto quanto doveva"

Il ministro ha dichiarato che incontrerà in questi giorni il Ministro Lamorgese per lavorare sul problema

Sergio Costa

Sergio Costa

globalist 12 settembre 2019
Il Ministro dell'Ambiente Sergio Costa non risparmia una frecciata a Matteo Salvini quando, intercettato dai giornalisti a margine dell'audizione in commissione Ecomafie, ha pralto della Terra dei Fuochi, sostenendo che l'ex Ministro dell'Interno "non ha fatto quanto doveva". 
"Incontrerò in questi giorni il Ministro dell'Interno (Tiziana Lamorgese, ndr), che è il soggetto legittimato quanto me e forse anche di più. È un prefetto della Repubblica, il mestiere lo conosce benissimo. Ne abbiamo già parlato e sicuramente è a disposizione. 
Citando l'incendio di pneumatici a Battipaglia, Costa fa presente che "le terre dei fuochi non sono solo tra Napoli e Caserta; sono anche altrove, il che significa che può essere la Campania ma possono essere anche altre Regioni" ad essere coinvolte, "e io nei limiti di quello che può fare un ministro dell'Ambiente sono al fianco di tutti. Troviamo le soluzioni insieme. L'importante è non litigare".
Rispetto alla 'mancanza di dialogo' con il precedente ministro dell'Interno (Salvini, ndr) Costa - rispondendo a una domanda precisa - dice: "Non è questione di dialogo. La questione è che ognuno deve fare il suo. Se c'è un protocollo" sulla Terra dei fuochi, "come in questo caso, firmato a novembre nella prefettura di Caserta, ognuno deve fare quello che in quel protocollo c'è scritto. Quel protocollo prevede sette ministri e un presidente di Regione; alcuni ministri lo hanno fatto, e l'ho detto in modo trasparente, un altro ministro in particolare non lo ha fatto. Ma non c'è polemica. Adesso - conclude - guardiamo a quello che dobbiamo e non a quello che non si è fatto, altrimenti cerchiamo responsabilità e non soluzioni".