Assegnati i Nobel per la fisica ai pionieri del laser: Askin, Mourou e Strickland

Sono stati i primi nel campo delle ricerche che hanno aperto la strada alle applicazioni del laser in molti campi. Storica onorificenza per Strickland: è la prima donna a essere premiata nella Fisica dal 1963

Arthur Ashkin, Gerald Gérard Mourou e Donna Strickland

Arthur Ashkin, Gerald Gérard Mourou e Donna Strickland

globalist 2 ottobre 2018

Il Nobel per la Fisica 2018 è stato assegnato a Arthur Ashkin, Gerald Gérard Mourou e Donna Strickland, pionieri nel campo delle ricerche che hanno aperto la strada alle applicazioni del laser in molti campi, compresa la biologia. E uno storico successo per Donna Strickland, la prima donna a essere premiata dal 1963.
I tre scienziati hanno reso possibile una vera e propria rivoluzione della fisica del laser. I loro risultati hanno aperto la strada alla possibilità di studiare in modo nuovo e con una grandissima precisione oggetti di dimensioni minuscole. Le applicazioni riguardano numerosi campi, dai nuovi materiali all'industria fino alla biomedicina.
Arthur Ashkin ha avuto il merito di avere messo a punto le 'pinzette ottiche', delle vere e proprie trappole per la luce che permettono di girare, tagliare, spingere o tirare oggetti di dimensioni piccolissime, utilizzando semplicemente la luce come un potentissimo strumento. Le pinze ottiche oggi sono utilizzate nei laboratori di tutto il mondo e hanno fatto del laser un utensile indispensabile per manipolare oggetti microscopici, dalla struttura dei materiali a quella di microrganismi come batteri e virus.
Gérard Mourou e Donna Strickland hanno invece messo a punto il metodo che ha permesso di rendere il laser ancora più versatile, con la generazione di impulsi ultra-brevi.