Hamilton riprende dove aveva lasciato, sempre in testa

Le prime prove libere della nuova stagioni confermano lo strapotere del pilota inglese della Mercedes, cui solo Verstappen riesce a stare dietro. Non bene le Ferrari, al 4° e 5° posto

Hamilton

Hamilton

globalist 23 marzo 2018

Con le prime prove libere in Australia è cominciata ufficialmente la stagione 2018 di F1 che, a guardare quel che è accaduto in queste ore, rischia di ricalcare il (noioso) copione dello scorso anno e di quello rpecedente, con le Mercedes un passo avanti a tutti.
Con l'inglese Lewis Hamilton in gran spolvero. Il pilota Mercedes è stato il più veloce sul circuito dell’Albert Park, con le migliori prestazioni sia nella prima che nella seconda sessione di prove. Con il tempo di 1’23”931 Hamilton ha preceduto la Red Bull di Max Verstappen, di 127 centesimi, e il compagno di scuderia Valtteri Bottas (a 0”228).
La prima Ferrari è al quarto poso con Kimi Raikkonen, più veloce di Sebastian Vettel. Il finlandese ha fatto segnare 1’24”214, a 0”283 da Hamilton, mentre il tedesco ha chiuso a 0”520 dall'inglese. Comunque tutti e due i piloti della Rossa si dicono ottimisti.
L'impressione che le prime libere hanno lasciato è che Hamilton sia in assoluto il più forte, anche sul passo gara, dopo ha sempre fatto segnare un vantaggio di 4-5 decimi, anche se nella sessione pomeridiana il margine si è ridotto.
Chi ha parzialmente deluso è l'idolo di casa, Daniel Ricciardo, finito al settimo posto, anche per un problema alla sospensione anteriore. Al sesto posto si è piazzato Romain Grosjean, confermando la buona impressione che aveva lasicato nei test la Hass, motorizzata Ferrari. Chi ha dovuto ridimensionare, almeno per il momento, le grandi ambizioni per questa stagione è Fernando Alonso, relegato all'ottavo posto, davanti a Magnussen e Vandoorne. Alonso, così come altri (Ocon, Bottas, Sainz) è stato protagonista di una escursione fuori, di cui ha attribuito ad altri la responsabilità (“In tanti forse sono distratti dall’halo e non guardano gli specchietti”, con riferimento al nuovo dispositivo di sicurezza per i piloti che oggetivamente crea qualche porblema di visibilità).
La Force India ha occupato le caselle 12 e 15 con Perez e Ocon. La Williams conferma i limiti delle ultime stagioni (Stroll 14°, il debuttante Sirotkin 18°).


La debuttante Sauber-Alfa Romeo è in coda, ma Leclerc (ad un millesimo da Ericsson, cui però ha 'limato' due secondi tra la prima e la seconda sessione) sembra veramenre destinato ad una carriera esaltante in proiezione Ferrari.