Juve, un arco letale contro i lancieri: ecco Kean

Mandzukic in crisi, Ronaldo non basta: Allegri ci pensa in vista del ritorno di Champions League contro l’Ajax

Juve-Ajax

Juve-Ajax

globalist 15 aprile 2019

Il gol firmato da Cristiano Ronaldo in casa dell’Ajax potrebbe non bastare, scatenando gli ennesimi rimpianti in casa bianconera, dove attendono quella maledetta Champions League da ben 23 anni. La prestazione del portoghese, gol a parte, ancora una volta non è mancata nella fase cruciale della stagione e di questa competizione in particolare: c’è però un neo nella macchina quasi perfetta disegnata da Allegri e si trova proprio accanto al portoghese, Mario Mandzukic.


Incredibile a dirsi fino a pochissime settimane fa, quando il croato sembrava lanciato per una stagione da record a livello di marcature, grazie al decentramento a sinistra del portoghese, la retrocessione in campo e poi in panchina di Dybala, tali a rendere la punta ex Bayern perno centrale di tutte le manovre bianconere. E non a caso tanti sono stati gli assist di Cr7 per il collega di reparto, che nel girone d’andata sembrava ben avviato verso le venti marcature in stagione.


Invece si è fermato, aiutando l’esplosione del baby Kean, primatista assoluto stagionale per gol segnati in rapporto ai minuti giocati. Ed ecco che può essere il classe 2000 la grande idea di Max per il ritorno allo Stadium. Vero, difficile pensare che il tecnico rinunci ad un suo pupillo, che ogni allenatore vorrebbe in campo per la sua capacità di aiutare i compagni in ogni fase del match e zona del campo, ma forse questo non basta più. Mario è all’asciutto da un po’, l’Ajax ha dimostrato di ballare lì dietro ed inserire un uomo on fire come Kean potrebbe essere decisivo, al fine di segnare quella rete in più dei rivali, per saldare la qualificazione.


Le quote Champions per il match di ritorno allo Stadium vedono la Juve favorita a 1.70, con il pareggio quotato a 3.60 mentre il successo ospite dei lancieri viene pagato cinque volte la posta. Quel che è certo è che, a differenza dell’Atletico e a prescindere dal risultato dell’andata, i lanceri verranno a Torino a viso aperto come nelle loro caratteristiche e come fatto a Madrid: dal Bernabeu sono tornati con qualificazione in mano e quattro sberle segnate ai Campioni d’Europa in carica, la Juve è avvisata. Un ritorno in cui l’Ajax dovrebbe presentarsi con gli stessi undici dell’andata, mentre la Juve potrebbe optare per qualche variante, anche in virtù di un’infermeria che si aggiunge di nuovi elementi ma che, forse, se ne libera di altri.


Potrebbero rientrare Chiellini ed Emre Can, più possibilità per il difensore rispetto al centrocampista ex Liverpool, mentre ad Amsterdam si è dovuto fermare Matuidi. Affaticamento al polpaccio per il campione del mondo francese, uscito anzitempo dal match e che sicuramente riposerà in campionato. L’uomo chiave del centrocampo della Vecchia Signora è da recuperare a tutti i costi, soprattutto non dovesse recuperare Can, con un Khedira ancora a corto di 90 minuti e ritmo partita.


Lì davanti l’ultimo rebus: se non sarà Mandzukic, potrebbe anche esserci il rientrante Douglas Costa. In mezzora ha spaccato la partita dell’andata, prendendo un palo e mandando in crisi l’intera retroguardia dell’Ajax. Dybala e Bernardeschi attendono speranzosi una maglia, in una notte che dovrà riportare la Juventus in semifinale.