Le Azzurre vincono e entusiasmano: le definivano 'quattro lesbiche'

Le Azzurre vincono contro la Giamaica 5-0 ed entusiasmano l'estate italiana. Pensare che c'era chi le insultava, ora rappresentano l'alternativa

Le Azzurre

Le Azzurre

globalist 14 giugno 2019

Viva le Azzurre, Azzurre orgoglio italiano. Le ragazze della nazionale femminile, che sconfiggendo 5-0 la Giamaica si sono qualificate agli ottavi di finale dei Mondiali probabilmente un’attenzione mediatica così non l’hanno mai vista. E un motivo c’è.


C’è che i loro colleghi maschili ai mondiali non sono riusciti ad andare. C’è che qualcuno, non diciamo chi solo perché non è necessario ripetere i nomi dei cafoni - e anche perché se lo ricordano tutti -, le giocatrici di calcio le definì ‘4 lesbiche’. C’è che le polemiche razziste scatenate dalla foto di squadra con Sara Gama in primo piano indicano che le azzurre non stanno giocando solo per loro, né solo per la solita Italia che segue il calcio: le azzurre sono un’alternativa.


Sono l’alternativa al maschilismo e al sessismo che ancora infetta il mondo dello sport. Sono l’alternativa all’omofobia, al razzismo, a tutto ciò che rende impossibile la vita in Italia. Ed è per questo che le Azzurre sono così seguite persino da chi dal calcio si è sempre sentito escluso. Perché con le loro vittorie, che speriamo possano continuare, stanno dimostrando che un’altra Italia è possibile.