Anche Casapound difende i razzisti: "Balotelli ricco e privilegiato, noi siamo vittime"

Lo fa attraverso il suo giornale, il Primato Nazionale, che difende la tifoseria nazi-fascista dell'Hellas Verona

Mario Balotelli

Mario Balotelli

globalist 5 novembre 2019
Tra tutti gli innumerevoli esponenti dell'estrema destra italiana che hanno difeso strenuamente la tifoseria nazi-fascista dell'Hellas Verona non poteva mancare il giornale di Casapound Il Primato Nazionale, che su twitter a commento dell'episodio dei cori fascisti a Balotelli usa la solita tiritera: "Per ogni volta che questi individui ricchi e privilegiati si giocano la carta della vittima, siamo poi noi a dover subire repressioni, limitazioni di libertà, sentenze di condanna". 
Il vittimismo dei fascisti è una tecnica assimiliabile a ciò di cui parlava ieri Gad Lerner, ossia il derubricare episodi di chiaro razzismo a 'ragazzate', vera arma del nazifascismo moderno.
Il Primato Nazionale non è da meno e attacca Balotelli in quanto 'ricco e privilegiato', mentre loro sono solo dei poveretti che hanno la colpa di aver espresso un'opinione. È assolutamente vero che a fischiare contro Balotelli sono stati pochi tifosi, non tutta la curva. Ma è altrettanto vero che stiamo parlando di una curva che espone svastiche durante le partite e che, come tutte le tifoserie italiane tranne qualche caso virtuoso, è impregnata di ideologia fascista e razzista. Non c'è da discutere: il razzismo è il vero problema del calcio italiano ed è arrivato il momento di prendere provvedimenti, senza usare il galateo con chi va negli stadi per fare il verso della scimmia ai calciatori.