Morto David Goodall: a 104 anni ha scelto il suicidio assistito in Svizzera

Lo scienziato australiano non era malato ma alla sua età si sentiva infelice nel vivere ancora

David Goodall

David Goodall

globalist 10 maggio 2018

La sua scelta era stata presa ed era forte e determinato: lo scienziato australiano di 104 anni, David Goodall, è morto, ricorrendo all'eutanasia, in una clinica svizzera di Basilea, dopo essersi rivolto all'organizzazione Exit International. Goodall non soffriva di alcuna malattia in fase terminale, ma era stanco di vivere e non voleva invecchiare in modo umiliante, per questo ha chiesto di poter porre fine alla sua vita con il suicidio assistito, non punibile in Svizzera, all'organizzazione non profit.
"Alle 12.30 di oggi (10 maggio) il professore David Goodall, 104 anni, si è spento in pace a Basilea, in Svizzera, con una iniezione di Nembutal", un barbiturico, ha annunciato su Twitter il dottor Philip Nitschke, fondatore di Exit International, che ha aiutato lo scienziato a organizzare il suo ultimo viaggio.
"Non sono felice, voglio morire", aveva detto Goodall ai microfoni di Abc Australia, annunciando l'intenzione di ricorrere all'eutanasia. "Se uno sceglie di uccidersi, nessun altro dovrebbe interferire. Mi spiace profondamente di aver raggiunto la mia età. Voglio morire e non è particolarmente triste. La cosa triste è evitare di farlo. Una persona anziana come me deve poter beneficiare dei suoi pieni diritti come cittadino, compreso il diritto al suicidio assistito".