L'appello di Fratoianni: "Conte se ne freghi di Salvini e lasci sbarcare i migranti"

L'esponente di Sinistra Italiana: "160 esseri umani da 10 giorni sulla nave Open Arms, e oltre 250 naufraghi sulla nave Ocean Viking sono bloccati in mezzo al mare"

Migranti sull'Open Arms

Migranti sull'Open Arms

globalist 11 agosto 2019

In effetti, sarebbe necessaria una presi di posizione più decisa: ''È una situazione insostenibile che 160 esseri umani da 10 giorni sulla nave Open Arms, e oltre 250 naufraghi sulla nave Ocean Viking siano bloccati in mezzo al mare con questo caldo torrido per i capricci di un ministro che fra poco non sarà titolare del Viminale e che continua a istillare odio e menzogne durante la sua continua campagna elettorale (a spese degli italiani) sulle spiagge del nostro Paese''.



Lo afferma Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana.
''Ci rivolgiamo al premier Conte, alle alte cariche dello Stato, ai vertici della nostra Marina militare - prosegue il parlamentare di Leu - si faccia tutto il possibile per farli sbarcare al più presto, prima che accadano conseguenze drammatiche a bordo.


''Gli altri Paesi europei e la Commissione Ue - conclude Fratoianni - la smettano di girarsi dall'altra parte, la smettano con ipocrisia e vigliaccheria e non lascino sole le Ong che continuano a supplire alle loro mancanze. Abbiano un sussulto di dignità''.